Opere esposte

E' esposta una selezione di lavori (30 oli e/o tecniche miste - olio, acrilico, gesso, cemento - su tela/tavola e 6 gouaches su carta/cartoncino) che ripercorrono la produzione dell'Artista a partire dagli anni sessanta. 

 

Raf  ha lavorato a lungo sulla "Teoria del caos" nell’ambito delle attività  svolte dai Gruppi Nazionali della Fisica Matematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (C.N.R., G.N.F.M.) ed ha prodotto pubblicazioni a divulgazione internazionale.

Ora Raf presenta per la prima volta nella Personale  “DALL’ORDINE VERSO IL CAOS” circa 40 opere che partono dalla figurazione degli anni sessanta (ORDINE) ed arrivano progressivamente all’astrazione con lavori nati dalla ricerca di un linguaggio di libertà d'espressione legato al non figurativo, evoluzione di una memoria storica e culturale americana come l’espressionismo astratto e l’action painting (CAOS). 

 

I due “giudizi  critici”, dei mesi di Marzo ed Aprile 2017, esprimono pienamente il percorso della “ricerca artistica” perseguita da Raf, compiutamente illustrato dai lavori esposti nella Mostra DALL’ORDINE VERSO IL CAOS.

Elisabetta Bodini per il Premio assegnato ad un lavoro risalente agli anni sessanta alla Mostra  “LA NUOVA” TAVOLOZZA D’ORO, Villa Camperio – Villasanta,18-26 Marzo 2017 per la Sezione oli/acrilici ha espresso la seguente Motivazione: ”per l’opera figurativa in cui accosta un buon uso della tecnica del chiaroscuro all’originalità della composizione , tradizionale, ma poetica”.

Malu’ Lattanzi all’inaugurazione della Mostra collettiva “LA MATERIA E IL COLORE” , Desio Villa Cusani Tittoni, 8 aprile 7 Maggio 2017, commentando due recenti lavori,  dice : ”Città e forme geometriche che esplodono sommerse sotto l’esplosione di colori contrastanti o appena annunciate da pagine di quotidiani. Questo il risveglio del mattino di luce e speranza che ti pervade osservando le opere di Raffaele Dragani. Forme che strappano la tela per fissare solo colori forti”.